Torna alla Home
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter

Italia in rimonta sulla Germania

Posted by PRES giugno - 11 - 2013 Commenti disabilitati

L’Italia porta a termine una grande rimonta da 0-2 a 3-2 superando così la Germania al PalaRuffini di Torino nel secondo impegno della World League 2013. Una partita segnata dalla prova di Ivan Zaytsev, trascinatore degli Azzurri: l’opposto italiano ha entusiasmato il pubblico del PalaRuffini con 27 punti e il 49% in attacco. Per la Germania ottima prova di Kaliberda con 22 punti.

Inizio equilibrato al PalaRuffini di Torino, con le due squadre pronte a rispondere colpo su colpo alle iniziative degli avversari. La Germania arriva in vantaggio per 7-8 al primo timeout tecnico, sfruttando alcuni errori degli Azzurri, ma al rientro in campo l’Italia firma il primo vantaggio sul punteggio di 9-8. L’equilibrio regna comunque sovrano, un attacco di Collin riporta in vantaggio la Germania sul 13-14 e al secondo timeout tecnico sono ancora i tedeschi a guidare il match sul 14-16. Un muro di Bohme sembra poter dare lo sprint giusto alla Germania, che con Hohne e Kaliberda costringe al timeout Berruto sul 15-19. Un errore in attacco e un muro di Birarelli e Parodi cambiano l’andamento del match, Zaytsev schiaccia in diagonale, Hohne schiaccia fuori e il distacco si riduce sul 19-20. La Germania conquista tre set ball sul 21-24, Savani annulla il primo ma Collin chiude il primo set sul 22-25.

La Germania non rallenta in avvio di secondo set portandosi rapidamente sull’1-6: passo dopo passo gli Azzurri provano a rientrare e con Birarelli si portano sul 5-9, ma due errori in attacco rallentano la rimonta e permettono ai tedeschi di firmare il 5-11.

Collin a muro è un ostacolo difficile da superare per l’attacco italiano e i suoi punti trascinano la la squadra di Heynen sul 8-15: l’Italia prova a rientrare con Birarelli e Savani, riavvicinandosi fino al 12-15.

Dopo il timeout tecnico (12-16) Parodi riavvicina l’Italia, ma gli errori da entrambe le parti permettono alla Germania di rimanere in vantaggio sul 16-18. Un muro di Baranowicz, giovane palleggiatore subentrato al posto di Travica, porta a una sola lunghezza gli Azzurri, Collin e Fromm raffreddano il PalaRuffini portando sul 17-21. Vantaggio mantenuto fino alla fine grazie a Collin e Kaliberda: la prima frazione si chiude sul 21-25 grazie ad una schiacciata di Westphal.

L’Italia rientra in campo con maggior concentrazione e, trascinata da Zaytsev, si porta immediatamente in vantaggio mantenendo la testa del match sull’11-7. Parodi schiaccia dal centro l’attacco del 12-7 che costringe Heynen al timeout. La coppia Zaytsev-Parodi non sbaglia un colpo in attacco, Beretta mura l’attacco tedesco segnando il punto del 16-9.

Beretta diventa protagonista del finale di set con gli attacchi che fissano il punteggio sul 20-12, un vantaggio troppo ampio da colmare per i tedeschi nonostante i punti di Fromm. Il terzo set si chiude sul 25-17.

Grande equilibrio nel quarto set, con la Germania intenzionata a chiudere il match e l’Italia che, con grinta, cerca di portare la partita al tie break. Zaytsev diventa protagonista trascinando l’Italia, Collin risponde per la Germania e le due squadre arrivano sul 13-13. I tedeschi provano a piazzare il break vincente, arrivando sul 19-21: la partita di accende, il pubblico del Ruffini spinge l’Italia al 22-22 e Birarelli firma il 23-22 con un muro. Ma il protagonista del set è Zaytsev che prima regala il set point all’Italia, quindi concretizza con il punto del 26-24 che fa esaltare il Ruffini.

Il tie break inizia con lo stesso leit motiv del quarto parziale: Ivan Zaytsev firma i primi tre punti del set, l’Italia si porta rapidamente sul 7-1 con un diagonale di Savani, Parodi a muro firma l’8-1. La Germania prova a riaprire il match, ma l’Italia, trascinata dall’entusiasmo del pubblico, chiude con una schiacciata di Savani sul 15-6.

Prossimo appuntamento venerdì 14 giugno ore 20,00 contro Cuba

 Allenamenti dell’ Italia, al Pala Ruffini, aperti al pubblico con divieto di riprese filmate ed obbligo diassoluto silenzio.

Programma allenamenti Italia

Comments are closed.